Lagane e ceci ricetta Irpina

Pubblicato il Pubblicato in generale

 

Ingredienti per 4 persone
Per la pasta
250 gr di farina di grano duro
2 cucchiai di olio extravergine
acqua q.b.
Per il condimento
200 gr di ceci secchi
3 cucchiai di passata di pomodoro
1 costa di sedano
1 spicchio di aglio
3-4 cucchiai di olio extravergine
sale, pepe e peperoncino q.b.

Procedimento
Fare la classica fontana sulla spianatoia, unire l’olio e l’acqua, tanto quanto basta per ottenere un panetto bello sodo. Far riposare l’impasto coperto con un canovaccio per 30 minuti. Spolverizzare la spianatoia di farina, poggiare sopra il panetto e stenderlo con un matterello, cercando di ottenere una sfoglia non molto sottile. Far asciugare un po’ la sfoglia cosparsa con poca farina, arrotolare la sfoglia su sé stessa. Tagliare il rotolo di pasta con un coltello a lama liscia, facendo dei tagli di due centimetri di spessore; srotolare le lagane e porle ad asciugare sulla spianatoia. Il taglio irregolare è classico di questa ricetta, quindi non preoccupatevi se non sono tutte uguali fra loro. Tenere a bagno i ceci per 24 ore. Scolarli, sciacquarli e cuocerli per almeno un’ora e mezza in acqua (se serve, aggiungere acqua bollente durante la cottura). In alternativa cuocere per 20 minuti nella pentola a pressione.In un tegame di coccio mettere l’olio, unire lo spicchio di aglio, far imbiondire a fuoco lento, unire il passato di pomodoro e la costa di sedano, far soffriggere facendo attenzione a non bruciare l’aglio. Unire qualche mestolo di acqua di cottura dei ceci. Coprire e far bollire 15 minuti. Eliminare l’aglio e la costa di sedano, aggiungere i ceci con la restante acqua di bollitura (il brodo di cottura deve essere sufficiente per permettere la cottura delle lagane direttamente nei ceci). Cuocere a fuoco medio con coperchio ancora per 15 minuti, scuotere bene le lagane per eliminare la farina in eccesso e calarle nel brodo di ceci, mescolare e far cuocere, aggiustare di sale, unire pepe e peperoncino fresco a piacere. Trasferire le lagane in una zuppiera calda, portare a tavola e servire caldissime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *